CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Batteria: suonare
Batteria: suonare "Seven Days" di Sting
di [user #48873] - pubblicato il

La traccia di batteria di Vinnie Colaiuta in "Seven Days" di Sting è da sempre un cult per tutti i batteristi. Questa parte, racchiude inoltre un sacco di spunti interessanti per lo studio dei tempi dispari. Impariamo a suonare questa pezzo memorabile del 'ex Police, rifacendoci alla versione studio originale, contenuta all’interno dell'album Ten Summoner's Tales del 1993.

Suonare brani che si basano su tempi dispari, o che prevedono spostamenti di accenti non corrispondenti a quello che per cultura siamo abituati ad ascoltare, può essere veramente difficoltoso per la maggior parte dei batteristi. Tuttavia credo che la chiave giusta per affrontare questi aspetti e padroneggiare questa tipologia di ritmiche, sia contestualizzare tutto alla musica e non limitarsi ad una, seppur utile, “analisi matematica” di quello che vorremmo suonare.

Batteria: suonare "Seven Days" di Sting

Per questo, rifarsi allo studio di qualche classico costruito su tempi dispari è un'ottima maniaera per affrontarli calati in un'applicazione musicale efficace e consolidata.
"Seven Days" gira su un tempo in 5/8 e va pensato come un 3+2, una sorta di clave interna che vi farà da binario.
Nel primo esempio vediamo il groove dell’intro e delle strofe.
Vinnie non si limita a suonarlo enfatizzando gli accenti fondamentali, ma accentua il charleston ogni 4 sedicesimi, creando così un ciclo ritmico che risolve dopo due misure.
Vista la difficoltà del groove, consiglio inizialmente di appoggiare gli accenti del hi hat assieme alla cassa e al rullante (sul 1 e sul 4) e come secondo step di suonare gli accenti ogni due sedicesimi, enfatizzando quindi gli ottavi.
Infine inserite gli accenti ogni 4 note come riportato nella trascrizione.
 
Batteria: suonare "Seven Days" di Sting
 
Nel groove del ritornello la cassa cambia figurazione, viene inserito il rullante al posto del cross stick e al posto del charleston troviamo il piatto ride.



Gli accenti di quest’ultimo sono disposti allo stesso modo del charleston nel esempio precedente, mal la figurazione suonata cambia.
Avremo un ottavo sulla campana, cioè l’accento, e due sedicesimi sul dorso del piatto.
 
Batteria: suonare "Seven Days" di Sting
 
Il groove dell’esempio 3 è semplicemente una variazione del groove 1.
Nella seconda parte della seconda strofa Vinnie suona la cassa su tutti gli ottavi, cosa che fa tra le altre cose anche sulla coda del brano.
 
Batteria: suonare "Seven Days" di Sting
 
 
Di sicuro un brano bello quanto difficile da suonare, così com’è stato difficile per me trascriverlo nota per nota e poi risuonarlo.



Da questo LINK è possibile ascoltare la mia esecuzione completa del brano. (Cristian Colusso: "Seven Days")
lezioni di batteria sting vinnie colaiuta
Link utili
Il sito di Cristian Colusso
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Concentrazione o non Distrazione?
Gianluca Palmieri: suonare con Greg Howe
Registrare la batteria: ambiente e microfoni
Tenere il tempo: facciamoci delle domande
Kenny Aronoff e il tiro micidiale di Satriani
Maurizio Dei Lazzaretti: lettura, ascolto e interpretazione
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964