CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Michael Angelo: arpeggi acrobatici
Michael Angelo: arpeggi acrobatici
di [user #116] - pubblicato il

Tre idee spericolate per sperimentare con le tecnica del tapping e dei salti di corda. Non solo lick esplosivi ma soprattutto ottimi esercizi per migliorare la tecnica e la visualizzazione delle note. Un incentivo a pensare agli arpeggi al di fuori delle diteggiature più convenzionali e accademiche. Per i chitarristi curiosi e intraprendenti.
Tre idee spericolate per sperimentare con le tecnica del tapping e dei salti di corda.
Non solo lick esplosivi ma soprattutto ottimi esercizi per migliorare la tecnica e la visualizzazione delle note. Un incentivo a pensare agli arpeggi al di fuori delle diteggiature più convenzionali e accademiche. Per i chitarristi curiosi e intraprendenti.

In questa lezione si continua a parlare di string skipping, applicato questa volta non a sequenze scalari ma a triadi e arpeggi.
Batio esordisce spiegando come il suo approccio all’esecuzione degli arpeggi con i salti di corda sia debitore dell’intuizione di Paul Gilbert,  primo a sviluppare con questo approccio le triadi.

Michael Angelo: arpeggi acrobatici

Rispetto all’idea di Gilbert, Batio rende più ricco lo scheletro dell’arpeggio inserendo anche la settima. Ecco le due diteggiature di Amaj7 (A, C#, E, G#) e Amin7 (A, C, E, G).



Quindi, il primo vero e proprio lick proposto è costruito sull’arpeggio di Am7 formato dalle note A, C, E, G, rispettivamente Tonica, b3, 5, b7.
Vediamolo in una delle sue più conosciute e praticate diteggiature.


L’idea di Michael Angelo è svilupparlo con i salti di corda. Le corde di D e B sono omesse e sulle corde di A, G e B. Ci si serve del tapping per suonare a tre note per corda e fare in modo che nessuna nota dell’arpeggio sia esclusa.
In partitura abbiamo evidenziato gli intervalli in gioco per aiutare a comprendere come i salti di corda modificano la diteggiatura e l’articolazione dell’arpeggio ma ne lasciano inalterata la natura.



Disposto in questa maniera, viene sviluppato in un tortuoso pattern in sestine di sedicesimi.


Con lo stesso sistema si potrà sviluppare qualunque altro arpeggio con le settime. Angelo propone, per esempio, lo stesso pattern applicato all’arpeggio di AMaj7.



L’esempio finale, forse il più originale e caratteristico di Michael Angelo è costruito interamente su una semplice triade di C (C, E, G).
Le tre note della triade, in ordine differente, vengono spalmate su tutte le corde della chitarra, escludendo unicamente il B.
Ecco la mappatura che si ottiene.


Quindi su ciascuna corda si elabora un pattern in tapping e legato che metterà a dura prova il mignolo della sinistra.

lezioni michael angelo batio
Mostra commenti     9
Altro da leggere
Concentrazione o non Distrazione?
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
Tommy Emmanuel: evitare i vuoti di memoria
Come ripartire da zero
Registrare la batteria: ambiente e microfoni
Peppino D'Agostino: comporre con le accordature aperte
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964